Inversione contabile e stato estero

0
257

INTERPELLO N. 339 DEL 11.9.2020

Il soggetto stabilito all’estero anche se titolare di un numero identificativo Iva in Italia non è debitore dell’imposta sulle operazioni effettuate nel territorio italiano nei confronti di soggetti passivi nazionali ai quali spetta assolvere il tributo con meccanismo dell’inversione contabile. Il soggetto estero che non ha obbligo di utilizzare per tali operazioni il numero di partita IVA italiano dovrà riportare nella fatture il numero attribuitogli dal paese membro in cui è stabilito.