Bozza Decreto Sostegni

0
192

IL SOLE 24 ORE 06.03.2021 07.03.2021

ITALIA OGGI 06.03.2021

Previsti i contributi a fondo perduto da 1.000 a 150.000 euro per tutte le attività in perdita a causa del Covid. L’ammontare è calcolato in base alla differenza tra il fatturato di gennaio e febbraio 2021 con quello di gennaio e febbraio 2019.

Le scadenze per i versamenti legati alle cartelle fiscali e gli avvisi esecutivi sono sospese fino al 30.04.2021. Dal 1.03.2021 ripartirà la macchina della riscossione con la notifica dei nuovi atti. Previsto un differimento per le rate di rottamazione e saldo e stralcio del 1.03.2021: per le rate in scadenza nel 2020 ci sarà tempo fino al 31.07.2021, mentre per quelle del 2021 si potrà aspettare fino al 30.09.2021.

Dovrebbero essere stralciate le cartelle fra il 2000 e il 2015 sotto una certa sogli: le ipotesi spaziano da 3.000 a 50.000 euro fino all’opzione più ampia che non prevederebbe alcuna soglia.

Le partite IVA che hanno subito una riduzione almeno del 33% del volume d’affari dell’anno 2020 rispetto a quello dell’anno precedente a causa delle pandemia possono accedere alla definizione in via agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni relative ai periodi d’imposta 2017 e 2018 comunicate con avvisi bonari. Rinviata infine al 2023 l’entrata in vigore del Codice della Crisi.