La riduzione dei termini decadenziali per l’accertamento

0
63

PREMESSA

L’articolo 3, D.lgs. 127/2015 ha introdotto un regime premiale sotto forma di riduzione dei termini decadenziali per l’accertamento a favore dei contribuenti soggetti passivi d’imposta esercenti attività d’impresa o lavoro autonomo.

Al sussistere di determinate condizioni, il contribuente può beneficiare della riduzione di 2 anni dei termini decadenziali per l’accertamento.

Per i contribuenti in regime forfetario esonerati dall’emissione di fatture in formato elettronico fino al 31.12.2023, l’agevolazione di cui alla riduzione dei termini decadenziali per l’accertamento può sommarsi a quella prevista dall'articolo 1, comma 692, lett. f), Legge 160/2019, consistente nella ulteriore riduzione di 1 anno dei termini decadenziali per l’accertamento nel caso in cui essi abbiano deciso di emettere (pur non essendone obbligati) fatture in formato elettronico.

Nel quadro RS del Modello REDDITI PF/SP/SC 2023 è presente un'apposita casella da utilizzare per comunicare la presenza, nel 2022, delle condizioni per poter beneficiare della riduzione dei termini decadenziali per l’accertamento.

La mancata compilazione di tale casella comporta l'inefficacia del beneficio per il periodo d'imposta di riferimento.

Contenuto riservato agli abbonati.

Questo contenuto è disponibile per gli utenti abbonati a Sercontel.

Sei già abbonato? Non sei abbonato?
SCOPRI L'OFFERTA